.
Annunci online

zanzara
La libertà comincia dall'ironia
 
 
 
 
           
       

**************************

C'è chi sente la pioggia... e c'è chi si bagna...

**************************

Campagna contro i Captcha

Image Hosted by ImageShack.us

**************************

Skyperisti Taglia & Cuci incalliti...

**************************

Mi trovate anche qui…


Politics Blog Top Sites BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

**************************

image

**************************

Scrivimi

**************************

Pensieri sparsi...

Preferisco l'umorismo alla politica,mi pare piu' giusto ridicolizzare cose serie che spacciare per serie cose ridicole. (G. Monduzzi)

Le cose serie vanno affrontate con leggerezza. Quelle di poco conto con serietà. ("Hagakure", il codice segreto del samurai)

Io parto per strappare una stella al cielo e poi,per paura del ridicolo, mi chino a raccogliere un fiore. (Kipling)

Omnem crede diem tibi diluxisse supremum (Fa' conto che ogni giorno sia stato l'ultimo a splendere per te )

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile. (Woody Allen)

Se pensi a una cosa alle tre del mattino e poi ci ripensi l’indomani a mezzogiorno, arrivi a conclusioni diverse. (Snoopy)

Satira: E' l'umorismo quando perde la pazienza. (G. Mosca)

Umorismo: e' il sorriso dell'intelligenza. (E. Ionesco)

L'umorismo e' un modo di scrostare i grandi sentimenti della loro idiozia.(R.Queneau)

E' difficile far ridere al giorno d'oggi. E' molto più facile far piangere, basta una cipolla. (C.Marchi)

Chi sa ridere è padrone del mondo (G. Leopardi)

La fantasia è più importante della conoscenza. (A. Einstain)

**************************

 
19 luglio 2006

Appunti di Viaggio…2

Il deserto è uno spazio surreale. La parola evoca il nulla, deserto quindi come negazione o spazio vuoto. Non è così, è invece vario, sorprendente, mai uguale e ti prende l'anima. Questa è stata la mia terza volta ma il suo fascino è rimasto intatto.

Il deserto innanzitutto è ricerca di se stessi. È silenzio per ascoltarsi. È leggersi dentro è cercare di capirsi, avere consapevolezza, avere conoscenza. Una condizione fisica estrema che aiuta a prendere coscienza dei propri limiti. È  l’aria torrida che toglie il respiro, soffia dall’interno, dalle enormi distese di sabbia che sembrano stendersi all’infinito. È  la siccità della terra che si spacca. È il corso degli Ouadi, i letti dei fiumi asciutti per la maggior parte dell’anno. È l’Hammada, il deserto di pietre nere dove spuntano radi ciuffi d’erba secca, cactus o qualche albero solitario.

È basse colline modellate dal vento caldo che sembrano vicinissime nell’aria tersa e secca e invece sono lontanissime. È  fatto di nere cime merlettate e profondi canyon. È pietraie color rosso ocra interrotte da oasi di palme da cui spuntano i Ksour, i maestosi castelli di sabbia, villaggi fortificati decorati con eleganti trafori fatti di fango impastato con paglia e pisè, i tronchi di palma sezionati. Costruzioni fragilissime che difficilmente resistono agli elementi naturali. Il sole impietoso che li cuoce sino a spaccarli o le rarissime piogge torrenziali che li sciolgono come castelli di sabbia. E sempre vengono ricostruiti, almeno quelli ancora abitati.

Il deserto è strade che diventano piste e piste che diventano lunghi, stretti nastri d’asfalto in mezzo al niente. 50, 80 km senza incontrare anima viva, solo qualche branco di dromedari o asini selvatici che riposano all’ombra degli alberi solitari o nei pressi dei pozzi che si trovano vicino alle piste. È il silenzio assoluto, si sente solo il sibilo del vento.

È un villaggio che spunta dal niente in mezzo al niente, sul quale domina pomposa, con tanto di segnaletica adeguata, l’abitazione di Messieur le Gouvernateur. Ogni villaggio ha una porta d’entrata, a Tam Tam, cittadina sahariana con più militari che abitanti, sono due enormi dromedari bianchi a dare il benvenuto. È improvvisi mulinelli, piccoli vortici di sabbia che si formano improvvisamente e si spostano velocissimi. È tempeste di sabbia che rendono l’aria gialla, il vento si alza fortissimo e avvolge tutto in un turbine di sabbia che s’insinua ovunque, e ti sembra di essere tu stesso sabbia.

Il deserto è il Riad, fatto di dune dorate che il vento sposta e plasma continuamente, con i granelli che scricchiolano e zigrinano formando onde. È la luce che cambia a seconda dell’ora. Rosa pallido all’alba, le dune sono di un ocra intenso, poi cambiano e scintillano sotto il calore del sole che abbaglia tutto con la sua luce accecante. Le dune che splendono nel silenzio assoluto sotto la luna hanno davvero qualcosa di magico.

Il deserto è sempre uguale a se stesso ma sempre diverso, un quadro suggestivo che si prende una parte di te, che tu lo voglia o no. Il deserto non è  un vuoto, non è monotonia è un continuo divenire. È il fascino del Grande Mare di Sabbia che ti mette di fronte a te stesso. Insegna un aforisma Zen che tenendo le mani aperte, tutta la sabbia del deserto vi passerà. Chiudendole non otterremo che qualche granello di sabbia. Una metafora su cui riflettere.

Un saluto a tutti…sono sulla via di casa e da giovedì tornerò ad occuparmi del circo Barnum della nostra politica. Grazie a tutti quelli che sono passati a leggere anche mentre non c’ero.




permalink | inviato da il 19/7/2006 alle 8:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

MY FAVOURITE POST

SERIAL

Previsioni Zodiacali
Uomo Internet

Odissea nello Strazio

CUORE & SUGGESTIONI
I miei Sette Vizi


L'Amore Romantico
Il Bacio

Felicità
Malinconia

Ulisse
Cleopatra

Maschi perché uccidete le donne?

Giulietta e Romeo

La Grande Bufala

SATIRA POLITICA

Quelli che..
Donne & Politica
Jurassic Park

I Puffi al Governo
Per un pugno di voti
Abolire il Senato?

Strade Smarrite
La Sinistra in Mutande
Lezione di Outlook

Salvifiche Sciampiste
Il Mucchio Selvaggio
Morfopsicologia Dinamica

Cento punti in cinque giorni
Cinque Punti Vincenti

Prodi & Riccardo III.
Prodigioso Romano

Bertinotti & Comunismo
Post it Rifondati

Grandi Bugie Storia

Dal Ragnarok al Calderolo

Parole parole parole
Politica e Cronaca

Le vignette anti-islam
Quote Rosa

Giornalismo Coraggioso
L’Unità e i cd avvelenati.

Le Relazioni Pericolose
Prodi & l'Europa
Il Comunismo

UNIVERSO GAY

L'universo Gay si racconta
Desperate Gay al Cenone
La Pornotax & Vladimir Luxuria
MUSICA & CINEMA

Deep Purple
Rolling Stones

Seven Swords
V per Vendetta. Fantapessimismo
Laylat Suqut Bagdhdad


CALCIO
Totti & C
Partita Politica

PRODIARIO
INNIURBANI
QUOTEINTELLIGENTI

LEGGI
La Repubblica

Focus

Ass.Luca Coscioni
A Buon Diritto

Libero
Ideazione/ The Right Nation
Il Giornale

Striscia la notizia
Le Iene

Ansa

Notizie Radicali
Generazioneelle

GattaSofia

Perla
Daniela
Freedomgirl
Vica
PINK BLOGGER STRAORDINARIE


Maidireblog

Orpheus
I MIEI BLOGGER PREFERITI
Cruman

Guzzanti
Stefano massa
Maralai
Daw
Watergate
Fort
Carlomenegante

Freedomland

Jinzo
Ilpignolo

Martin Venator
Starsailor
L'ineffabile Weblog



Zagazig

Siro
Demian
Dorandopetri


Bisquì
Cantor

Otimaster
Antonio
Pensatore
Marshall
Mikereporter
Robinik
Kagliostro

Giulivo
AGGREGATORI


THE JOURNAL
MONDIAL POST Journal

SOCIALDUST
lamianotizia
BLOGWISE



me l'avete letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     giugno        agosto