.
Annunci online

zanzara
La libertà comincia dall'ironia
 
 
 
 
           
       

**************************

C'è chi sente la pioggia... e c'è chi si bagna...

**************************

Campagna contro i Captcha

Image Hosted by ImageShack.us

**************************

Skyperisti Taglia & Cuci incalliti...

**************************

Mi trovate anche qui…


Politics Blog Top Sites BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

**************************

image

**************************

Scrivimi

**************************

Pensieri sparsi...

Preferisco l'umorismo alla politica,mi pare piu' giusto ridicolizzare cose serie che spacciare per serie cose ridicole. (G. Monduzzi)

Le cose serie vanno affrontate con leggerezza. Quelle di poco conto con serietà. ("Hagakure", il codice segreto del samurai)

Io parto per strappare una stella al cielo e poi,per paura del ridicolo, mi chino a raccogliere un fiore. (Kipling)

Omnem crede diem tibi diluxisse supremum (Fa' conto che ogni giorno sia stato l'ultimo a splendere per te )

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile. (Woody Allen)

Se pensi a una cosa alle tre del mattino e poi ci ripensi l’indomani a mezzogiorno, arrivi a conclusioni diverse. (Snoopy)

Satira: E' l'umorismo quando perde la pazienza. (G. Mosca)

Umorismo: e' il sorriso dell'intelligenza. (E. Ionesco)

L'umorismo e' un modo di scrostare i grandi sentimenti della loro idiozia.(R.Queneau)

E' difficile far ridere al giorno d'oggi. E' molto più facile far piangere, basta una cipolla. (C.Marchi)

Chi sa ridere è padrone del mondo (G. Leopardi)

La fantasia è più importante della conoscenza. (A. Einstain)

**************************

 
6 febbraio 2006

Le vignette anti-islam ennesima provocazione?

Dopo il caso delle vignette ritenute offensive. Dopo le scuse prone dei governi occidentali. Dopo un’attenta riflessione. Dopo tutto perché non fare la mia parte per tentare di rasserenare il clima infuocato e surriscaldato dagli incendi di ambasciate ed editoriali fumantini.

Dopo il lancio intensivo di fatwe, specialià sportiva praticata con perizia dalla categoria dagli Ulema nelle migliori moschee del mondo.. Il popolare sport  che, in ossequio all’islam, si mormora  il Cio dovrebbe  introdurre come nuova specialità olimpica, pare farà il suo debutto a Torino 2006, che sta per iniziare. In tutto il mondo arabo fervono gli allenamenti. A quello e non altro è dovuto l’intensificarsi dei lanci di queste ultime ore.

Grande favorito è naturalmente il prestigioso fuoriclasse, leader dei Fratelli Mussulmani d’Europa, Youssef Qaradawi, che si sta allenando in modo intensivo.  Il tenace Ulema ha buone probabilità di migliorare il record mondiale detenuto dall’altro prestigioso e popolarissimo campione Osama Bin Laden detentore dell’attuale titolo ottenuto col lancio della famosa “Fatwa della Grotta” del 1996, così chiamata perché il record  fu ottenuto nella prestigiosa cornice delle montagna afgane, precisamente nelle grotte di Tora Bora.

Dopo un’attenta ricerca negli archivi segreti del Topkapi. Dopo  una veloce visita alla grotta di Aladino. Dopo una chattata post-prandiale con l‘esplosivo Osama. Dopo un fitto scambio di mail con Saddam, posso affermare che le vignette sono solo l’ultima di una lunga serie di provocazioni nonchè falsificazioni contro il mondo islamico. Dopo tutto questo...Rimediamo. In fondo siamo qui apposta.

L’assedio di Vienna non fu opera dei Turchi guidati dal gran Visir Qara Mustafà. Sono state trovate prove inconfutabili che parlano di come fu la perfida Vienna che assediò i Turchi cercando pervicacemente la rissa e lo scontro. Dopo i bombardamenti della guerra del Kosovo sono emerse tracce dei profondi solchi prodotti dai carri che trascinarono la città ai confini dell’impero ottomano.

Gli straordinari ritrovamenti gettano nuova luce su quello che fu fatto passare per un feroce assedio. Un’aggressione ordinata e pianificata dal sultano. Il simpatico e placido Mustafà invece si trovava in vacanza con le 24 mogli e le 354 concubine sul Mar Nero, dove, come è facile intuire, aveva ben altro da fare che ordinare assedi, essendo egli assediato in modo ben più preoccupante.

Dai ritrovamenti risulta che l’intera Vienna fu trainata, con l’ausilio dei robusti cavalli di razza frisona, fin sotto il palazzo del sultano. Fu spostata completa di abitanti che si produssero in ogni sorta di vergognose provocazioni ai danni dei pacifici e serafici ottomani.

Sono stati rinvenuti striscioni oltraggiosi con scritte provocatorie “Vienna è rock voi siete lenti”. “Meglio un morto in casa che un turco alla porta” e un oscuro e inquietante “Viva la gnocca viennese”. La goccia che fece traboccare il vaso della pazienza turca fu il continuo risuonare delle campane. Passate alla storia appunto come le “Campane dei Turchi”.

Il paziente e pacifico Qara Mustafà era già nervosetto di suo per 378 ottimi motivi. L’incessante scampanio tra cui spiccava quello della Angstem, la campana di S. Stefano lo portarono a comprensibilissimi livelli record di esasperazione. Dopo che gli avevano tirato i maroni maturi per tre giorni e tre notti , con il continuo din don dan, ordinò la distruzione di tutte le campane a cannonate. Gli storici prezzolati dall’Impero Asburgico, abilissimi mistificatori,  fecero passare come guerra di aggressione una semplice autodifesa acustica.

Passiamo ad un altrettanto infame invenzione dell’occidente per screditare il mondo arabo. Quella che viene raccontata come un’aggressione dell’Iraq verso il Kuvait che scatenò la prima guerra del golfo fu colpa esclusiva  degli americani.

Mel Gibson con la sua troupe cinematografica si trovava nel deserto ai confini col Kuvait per girare l’ennesimo film di guerra. In zona si trovava anche una troupe del Tg4 con Paolo Brosio. Mentre giravano in notturna una scena di incendio ai pozzi di petrolio, furono ripresi dai nostri connazionali che spedirono il tutto in Italia.

Il servizio arrivò in redazione mentre l’Emilio Fede, si trovava nelle stato d’animo che i collaboratori più obbiettivi chiamano “Del kamikaze in fase esplosiva”. La grave crisi per cui  si trovava ai ferri corti e in pieno conflitto armato con la sua  redazione di comunisti,  era dovuta alla solita mancanza di contributi filmati per un servizio. In tale concitato frangente Emilio credette si trattasse di un vero bombardamento.

Un goliardico e perfido giornalista della redazione, per vendicare le continue angherie, lo convinse che si trattava di aggressione al Kuwait da parte di Saddam. Inferocito per la mancanza di un servizio sui consigli per combattere efficacemente l’influenza e con  la certezza  di avere lo scoop, Emilio mandò le immagini commentandole con l’enfasi e la mimica che sono suoi tratti caratteristici.

Il resto del mondo conoscendo l’autorevolezza di tale fonte riprese la notizia enfatizzandola. Bush padre  aspettava solo quello e dichiarò guerra all’Iraq. Per riconoscenza verso Emilio lo informò in via riservata ed ecco svelato il mistero del perché  il Tg4 fu il primo a dare la notizia dell’inizio dei bombardamenti.

Per oggi è tutto, ma molte altre ingiustizie dovrebbero essere oggetto di revisionismo storico. Provvederemo quanto prima a ristabilire la verità.


Altri preziosi consigli sullìargomento li trovate QUI 

 




permalink | inviato da il 6/2/2006 alle 8:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (58) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

MY FAVOURITE POST

SERIAL

Previsioni Zodiacali
Uomo Internet

Odissea nello Strazio

CUORE & SUGGESTIONI
I miei Sette Vizi


L'Amore Romantico
Il Bacio

Felicità
Malinconia

Ulisse
Cleopatra

Maschi perché uccidete le donne?

Giulietta e Romeo

La Grande Bufala

SATIRA POLITICA

Quelli che..
Donne & Politica
Jurassic Park

I Puffi al Governo
Per un pugno di voti
Abolire il Senato?

Strade Smarrite
La Sinistra in Mutande
Lezione di Outlook

Salvifiche Sciampiste
Il Mucchio Selvaggio
Morfopsicologia Dinamica

Cento punti in cinque giorni
Cinque Punti Vincenti

Prodi & Riccardo III.
Prodigioso Romano

Bertinotti & Comunismo
Post it Rifondati

Grandi Bugie Storia

Dal Ragnarok al Calderolo

Parole parole parole
Politica e Cronaca

Le vignette anti-islam
Quote Rosa

Giornalismo Coraggioso
L’Unità e i cd avvelenati.

Le Relazioni Pericolose
Prodi & l'Europa
Il Comunismo

UNIVERSO GAY

L'universo Gay si racconta
Desperate Gay al Cenone
La Pornotax & Vladimir Luxuria
MUSICA & CINEMA

Deep Purple
Rolling Stones

Seven Swords
V per Vendetta. Fantapessimismo
Laylat Suqut Bagdhdad


CALCIO
Totti & C
Partita Politica

PRODIARIO
INNIURBANI
QUOTEINTELLIGENTI

LEGGI
La Repubblica

Focus

Ass.Luca Coscioni
A Buon Diritto

Libero
Ideazione/ The Right Nation
Il Giornale

Striscia la notizia
Le Iene

Ansa

Notizie Radicali
Generazioneelle

GattaSofia

Perla
Daniela
Freedomgirl
Vica
PINK BLOGGER STRAORDINARIE


Maidireblog

Orpheus
I MIEI BLOGGER PREFERITI
Cruman

Guzzanti
Stefano massa
Maralai
Daw
Watergate
Fort
Carlomenegante

Freedomland

Jinzo
Ilpignolo

Martin Venator
Starsailor
L'ineffabile Weblog



Zagazig

Siro
Demian
Dorandopetri


Bisquì
Cantor

Otimaster
Antonio
Pensatore
Marshall
Mikereporter
Robinik
Kagliostro

Giulivo
AGGREGATORI


THE JOURNAL
MONDIAL POST Journal

SOCIALDUST
lamianotizia
BLOGWISE



me l'avete letto 791268 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     gennaio        marzo