.
Annunci online

zanzara
La libertà comincia dall'ironia
 
 
 
 
           
       

**************************

C'è chi sente la pioggia... e c'è chi si bagna...

**************************

Campagna contro i Captcha

Image Hosted by ImageShack.us

**************************

Skyperisti Taglia & Cuci incalliti...

**************************

Mi trovate anche qui…


Politics Blog Top Sites BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

**************************

image

**************************

Scrivimi

**************************

Pensieri sparsi...

Preferisco l'umorismo alla politica,mi pare piu' giusto ridicolizzare cose serie che spacciare per serie cose ridicole. (G. Monduzzi)

Le cose serie vanno affrontate con leggerezza. Quelle di poco conto con serietà. ("Hagakure", il codice segreto del samurai)

Io parto per strappare una stella al cielo e poi,per paura del ridicolo, mi chino a raccogliere un fiore. (Kipling)

Omnem crede diem tibi diluxisse supremum (Fa' conto che ogni giorno sia stato l'ultimo a splendere per te )

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile. (Woody Allen)

Se pensi a una cosa alle tre del mattino e poi ci ripensi l’indomani a mezzogiorno, arrivi a conclusioni diverse. (Snoopy)

Satira: E' l'umorismo quando perde la pazienza. (G. Mosca)

Umorismo: e' il sorriso dell'intelligenza. (E. Ionesco)

L'umorismo e' un modo di scrostare i grandi sentimenti della loro idiozia.(R.Queneau)

E' difficile far ridere al giorno d'oggi. E' molto più facile far piangere, basta una cipolla. (C.Marchi)

Chi sa ridere è padrone del mondo (G. Leopardi)

La fantasia è più importante della conoscenza. (A. Einstain)

**************************

 
16 marzo 2006

Donne. La Politica e l’universo femminile.

Le donne rappresentano la metà dell’elettorato italiano. Dopo il faccia a faccia tra i candidati premier che le hanno descritte, uno come Categoria  e l’altro come incapaci in proprio e quindi  da premiare con le Quote Rosa, vediamo come i maggiori partiti vedono l’universo femminile.

Diesse. Partito attento all’universo femminile propugna la parità. Vuole portare le donne nel palazzo e infatti ha candidato mogli madri e figlie  alle politiche. Mossa strategica che tende alla valorizzazione della famiglia del politico diessino e al suo ruolo attivo nella vita pubblica.

In linea con il nuovo corso inaugurato dal segretario Fassino, dichiaratosi credente, è la figura della femminista devota. Donna emancipata ma  attenta alle problematiche religiose. Tale ruolo è riassunto nel documento finale dell’ultimo congresso, il 57mo, dal suggestivo titolo “ Giovedì gnocca venerdì digiuno”. La corrente di minoranza laica ad oltranza capeggiata da M & M Mussi e Melandri ha presentato, in aperta polemica con la linea ufficiale, un proprio controdocumento “Donne. Pianeti dispersi per tutti gli uomini così diversi”

Forza Italia. Partito attento allo zeitgeist ha accolto con entusiasmo il ritorno al modello del maschio dominante e larvatamente maschilista, l’ubersexual. C’è  chi prese troppo alla lettera il gradito ritorno. Rimasto agli annali il famoso “Le donne non devono scassare la minchia”. Subito temperato da contrite scuse e due scappellotti del presidente all’incauto estensore del pensoso assunto. Il fondamentale contributo  femminile nella società è riassunto nell’elegante brochure  azzurra “L’importanza della donna nella scelta della cravatta”.

Pdci. Femminista senza se e senza ma.  L’iconografia classica cui si ispira la visione della donna Comunista è ben riassunta dal documento del segretario Diliberto illustrato col famoso dipinto  di Delacroix  La Libertà che guida il popolo”. Donna poco attenta alla moda è rimasta allo stile anni ’70, zoccolacci e lunghe gonne a fiori. Guida con perizia la vespa su cui ostenta con orgoglio il simbolo del partito. Requisito fondamentale saper preparare il Cuba Libre. Sono scoraggiate relazioni extracomuniste per gli inevitabili pericoli di contaminazioni. I matrimoni vengono officiati esclusivamente da Cossutta.

Udc. La donna è vista nel solco della tradizione pur con caute aperture al movimento femminile. Il loro ruolo è ben illustrato nel rivoluzionario documento finale “Sono una donna non sono una santa” che pone con forza l’accento sulla laicità del partito. Potranno entrare in politica ma solo se non saranno riuscite ad adempiere al loro ruolo naturale di mogli di Casini e madri delle sue figlie.

Vestono la tradizionale divisa approvata dall’apposita commissione  presieduta dal  segretario. Abito grigio, rigorosamente sotto il ginocchio, e  calze grigie. A dimostrazione dell’assoluta parità coi colleghi maschi saranno incoraggiate ad applicare  la famosa Teoria Terzista.

Rifondazione.  È il segretario Bertinotti a dare indicazioni precise sulla donna rifondata. Femminista ma femminile. Dovrà sapersi muovere in ogni occasione. Cavalcare con eleganza durante le consuete cacce alla volpe.

Deve saper esaltare, durante le esclusive serate mondane, la figura  della mondina come modello di donna che ha trovato l’emancipazione attraverso il duro lavoro nelle risaie. Indispensabile la conoscenza delle posate da pesce e delle migliori qualità di tè da servire nei pomeriggi neghittosi.

Lega. Partito attento alle esigenze femminili ma nel solco della tradizione. E' Calderoli che illustra il ruolo della donna. Deve essere ispirato alle tradizioni più genuine e profondamente legate al territorio. Ruolo che viene ben espresso dal documento programmatico sulla figura femminile dal titolo suggestivo ad esplicativo “La bella la va al foooosso, ravvanel, remulas, barbabietole e spinass, tri palanche al masssss..La bella la va al foooooosso, la va al fosso a resentar..”.

La donna può lavorare ma con la giusta attenzione alle esigenze prioritarie  del marito.  Che possono essere riassunte in un semplice assunto inderogabile. Quando rincasa deve trovare la polenta fumante sul desco.

Margherita. La corrente più integralista ha redatto un documento per definire il ruolo della donna nella società. Già dal titolo appare chiara la linea profondamente tradizionalista “Chi dice donna dice danno o donna al volante pericolo costante”. 

Un documento di rottura con la troppo moderna e spregiudicata  donna in carriera. La figura della perpetua andrà maggiormente valorizzata. La ramazza sarà il suo attrezzo distintivo. Potrà essere donna in carriera ma nel solco della tradizione. Verrà istituito apposito registro professionale. La donna dovrà vivere come  se la Svezia non esistesse.

An. La filosofia del partito è tutta nel  suggestivo e tranchant slogan “Scegli An. Il nero sfina”

Di Pietro. In linea con l’Italia dei valori, il partito da grande importanza e risalto al ruolo femminile. Le linee guida sono spiegate nel documento che porta la firma dello stesso segretario, granitico rappresentante della  cultura contadina “Meglio la botte piena della moglie ubriaca”.

Per oggi è tutto.

 

 

 

 




permalink | inviato da il 16/3/2006 alle 9:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (94) | Versione per la stampa


 

Ultime cose
Il mio profilo

MY FAVOURITE POST

SERIAL

Previsioni Zodiacali
Uomo Internet

Odissea nello Strazio

CUORE & SUGGESTIONI
I miei Sette Vizi


L'Amore Romantico
Il Bacio

Felicità
Malinconia

Ulisse
Cleopatra

Maschi perché uccidete le donne?

Giulietta e Romeo

La Grande Bufala

SATIRA POLITICA

Quelli che..
Donne & Politica
Jurassic Park

I Puffi al Governo
Per un pugno di voti
Abolire il Senato?

Strade Smarrite
La Sinistra in Mutande
Lezione di Outlook

Salvifiche Sciampiste
Il Mucchio Selvaggio
Morfopsicologia Dinamica

Cento punti in cinque giorni
Cinque Punti Vincenti

Prodi & Riccardo III.
Prodigioso Romano

Bertinotti & Comunismo
Post it Rifondati

Grandi Bugie Storia

Dal Ragnarok al Calderolo

Parole parole parole
Politica e Cronaca

Le vignette anti-islam
Quote Rosa

Giornalismo Coraggioso
L’Unità e i cd avvelenati.

Le Relazioni Pericolose
Prodi & l'Europa
Il Comunismo

UNIVERSO GAY

L'universo Gay si racconta
Desperate Gay al Cenone
La Pornotax & Vladimir Luxuria
MUSICA & CINEMA

Deep Purple
Rolling Stones

Seven Swords
V per Vendetta. Fantapessimismo
Laylat Suqut Bagdhdad


CALCIO
Totti & C
Partita Politica

PRODIARIO
INNIURBANI
QUOTEINTELLIGENTI

LEGGI
La Repubblica

Focus

Ass.Luca Coscioni
A Buon Diritto

Libero
Ideazione/ The Right Nation
Il Giornale

Striscia la notizia
Le Iene

Ansa

Notizie Radicali
Generazioneelle

GattaSofia

Perla
Daniela
Freedomgirl
Vica
PINK BLOGGER STRAORDINARIE


Maidireblog

Orpheus
I MIEI BLOGGER PREFERITI
Cruman

Guzzanti
Stefano massa
Maralai
Daw
Watergate
Fort
Carlomenegante

Freedomland

Jinzo
Ilpignolo

Martin Venator
Starsailor
L'ineffabile Weblog



Zagazig

Siro
Demian
Dorandopetri


Bisquì
Cantor

Otimaster
Antonio
Pensatore
Marshall
Mikereporter
Robinik
Kagliostro

Giulivo
AGGREGATORI


THE JOURNAL
MONDIAL POST Journal

SOCIALDUST
lamianotizia
BLOGWISE



me l'avete letto 787004 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom

   
sfoglia     febbraio        aprile