Blog: http://zanzara.ilcannocchiale.it

Le Allegre Comari di Palazzo Chigi.

Ad un mese dal giuramento del Governo del Giusto quali prestigiosi traguardi sono stati raggiunti? Un breve riepilogo per fare il punto sullo Stato dell’Arte. La Coesa Coalizione è entrata subito in  crisi acuta d’astinenza da Berlusconi. Non avendo più il catalizzatore su cui scaricare colpe tensioni e pulsioni non han fatto altro che litigare tra loro come comari.

Cominciando dal Prodigio che ha l’autorevolezza di un Biscardi quando difende Moggi. Li ha riuniti in Conclave in Umbria per fare squadra ma soprattutto per farli star zitti. Ha fallito entrambi gli obbiettivi. Ha spacchettato i Ministeri e aumentato i sottosegretari per accontentare tutti. Che s’ha da fa’ per governà. Ha fatto il rimpasto prima dell’impasto. Un caso unico al mondo.

Ha ulteriormente incrementato il parco sottosegretari polverizzando ogni record. La carica dei 102. Troppi anche per un Mastella che disperato disse “Sto a impazzì con le deleghe. Ho cinque sottosegretari che ne faccio? Ha fatto dire dal suo Portavoce che i Portavoce non debbono parlare con la stampa e allora che faranno? Boccheggiano come triglie? Il loro impiego è tutt’ora allo studio.

Un mese vissuto pericolosamente. Tutti contro tutti. D’Alema e Rutelli hanno litigato per l’ufficio al terzo piano sostenendo ognuno la propria superiorità ministeriale. Esteri vs Made in Italy. Il Prodigioso Professore di Economia non ha calcolato bene e ha creato più Ministri delle Poltrone in dotazione.

Il silenzioso Padoa Schioppa ha scoperto che nessun sottosegretario sa  spiegare una Finanziaria. Allibito perché hanno anche difficoltà nel leggerle e figuriamoci a scriverle. Se si pensa che la punta di diamante è Er Piotta tutto si spiega. Caro, hai tutta la mia simpatia.

Giuliano Amato passa il tempo a smentire sottosegretari che esternano a ruota libera. Da quella che prevedeva l’attacco a Gheddafi in politica estera all’altra che annunciava la chiusura immediata dei Cpt. Visco, non ancora sottosegretario, si porta avanti e annuncia nuove tasse che il Prodigio smentisce ma che nei fatti ci saranno.  

Bersani polemizza perchè gli impongono le deleghe a D’Antoni. Bianchi, il Signore dei Trasporti è l’inarrestabile recordman della Cazzata Governativa. Ha, nell’ordine, interferito col collega  Di Pietro sul ponte sullo Stretto dichiarandola opera inutile. L’Alta Velocità non s’ha da fare perché il futuro è nel Mediterraneo. Intendendo con questo incrementare il traffico  dei Boat People? 

A fatto sapere che il ‘68 l’ha preso di striscio. Ma a quanto pare ha fatto centro lo stesso. La sua città ideale è L’Avana dove ha trascorso ore indimenticabili ad ascoltare il discorso del Primo Maggio del Comandante in Jefe, il grande Fidel, il Faro della Democrazia che illumina il mondo.

Hanno trasformato il 2 Giugno in un farsa. Mezzo Governo alle celebrazioni ufficiali e l’altra metà in piazza a contestar se stessi. Bindi e Rutelli litigano per i Pacs. Lei dice si faranno lui risponde neanche per sogno. Mussi ritira la firma contro la ricerca sulle staminali e scatena la reazione di Fioroni, poi arriva Fassino, che non è un Ministro ma promette che la legge sarà cambiata. Amato dice non la cambiamo.

Intanto Fioroni apre un nuovo fronte con la Turco sulla pillola abortiva. L’Iraq ha visto il trio governativo, D’Alema, Parisi e Rutelli contrapporsi alla sinistra Radicale che vuole  il pacchetto dei ritiri all’inclusive. Via da Iraq, Afganistan e che ci stiamo a fare in Kosovo?

Il Ministro Ferrero vuol trasformare Lampedusa nell’Ufficio Transiti dei Clandestini con permessi di soggiorno a pioggia. Litiga con le ministre Melandri e Bindi e non contento si inventa le Stanze del Buco per i drogati. Il tutto ovviamente sulle prime pagine.

Il Prodigio intanto fa danni internazionali e chiama folklore i Comunisti del suo governo. Va a spasso per l’Europa e filosofeggia “Non stiamo dormendo. Russia ed Europa sono complementari come Vodka e Caviale”. Entrambi sono tipicamente russi. L’Europa che ci mette la fettina di pane? A Parigi altra dichiarazione da scolpire nella roccia “La Francia predilige le relazioni amichevoli”. Apperò. Tutti eravamo convinti preferissero le dichiarazioni di guerra. Chirac vedendolo arrivare pimpante pare abbia commentato “Riecco l’Italia”. Ah les italiens! Come dicono di noi.

Questo è più o meno il bilancio di un mese di governo  delle Allegre Comari di Palazzo Chigi. E le stelle stanno  a guardare..e noi con loro…

Per oggi è tutto…ma domani..

Le Staminali e il loro utilizzo per la ricerca sono tema d'attualità e discussione. Consiglio la lettura del post dell'amica Inyqua.

Il quotidiano Libero lancia una campagna per salvare i cavalli dalla barbarie dei palii. Un discutibile divertimento che spesso costa la vita agli animali. Un cavallo con le zampe rotte non può essere curato ma solo abbattuto. Chi volesse aderire può mandare una mail a palio@libero-news.it. Una battaglia di civiltà cui aderisco convintamente.

Pubblicato il 15/6/2006 alle 10.46 nella rubrica Primedonne Primarie.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web